Essere pellegrini, oggi.

Perché, in questo terzo millennio, tante proposte di cammino lunghe centinaia di chilometri?
Per ritrovare i ritmi naturali dell’uomo. Per recuperare il contatto con la natura. Per riscoprire i valori dell’essenzialità e dell’ospitalità.

Ma perché verso Roma o lungo le antiche Vie di pellegrinaggio?
Perché si va al centro della cristianità. Perché si riscopre l’appartenenza alla storia e si attraversa lentamente un’Italia meravigliosa in tutte le sue diversità.
Perché è una formidabile esperienza spirituale.

Ma perché a piedi o in bicicletta?
Perché l’uomo è fatto per camminare. Perché il cammino è scuola di vita. Perché consente di dialogare con se stessi, con gli altri e con Dio.

E poi, tornato a casa?
Sarai fiero di aver fatto una cosa straordinaria. La scala dei tuoi valori avrà cambiato assetto. Le giornate saranno molto diverse.

E se non sono credente?
ANDIAMO E LO SCOPRIRAI!

Il VADEMECUM elaborato dall’Associazione ecclesiale Ad Limina Petri si propone di facilitare i momenti di preghiera che possono segnare la progressione del cammino del viandante e del pellegrino a piedi lungo le antiche Vie.

Per continuare a leggere, informarti e scoprire, ti suggeriamo anche questi altri testi (in PDF):

Luciano Pisoni
Essere pellegrini nel terzo millennio

Don Remo Giardini
Il Cammino

Appunti di viaggio sulla Via Francigena
La Via Alta

Don Giorgio Basadonna
Spiritualità della Strada

Domande per il discernimento

Riti dei pellegrinaggi attuali: benedizione dei pellegrini alla partenza del pellegrinaggio Ad Limina Petri

Riti dei pellegrinaggi attuali: celebrazione del penitenziale al termine del pellegrinaggio Ad Limina Petri

Istruzioni pratiche per il pellegrino: l’equipaggiamento

Istruzioni pratiche per il pellegrino: l’equipaggiamento, tratti e adattati dalla “Guia espiritual del peregrino”.

Pierangiolo Mazzei: “Pellegrinaggio: istruzioni per l’uso

Entra nella rete